This website uses cookies

This website uses cookies to improve user experience. By using our website you consent to all cookies in accordance with our Cookie Policy.

Some cookies on this site are essential, and the site won't work as expected without them. These cookies are set when you submit a form, login or interact with the site by doing something that goes beyond clicking on simple links.

We also use some non-essential cookies to anonymously track visitors or enhance your experience of the site. If you're not happy with this, we won't set these cookies but some nice features of the site may be unavailable.

Gli inizi

 
Amata solitudine

Nel Marzo 1098 un piccolo gruppo di 21 monaci si mette in cammino verso le paludi di Cîteaux. È guidato da Roberto, l'abate del monastero di Molesme vicino a Troyes. Egli e i suoi compagni lo hanno abbandonato per raggiungere in un nuovo luogo ciò che non era riuscito prima: il ritorno alle radici del monachesismo secondo la regola di S.Benedetto. Il "deserto", a sud-ovest di Digione sembra essere molto adatto allo scopo. Il luogo in cui si fermano il 21 Marzo 1098, festa di S.Benedetto, si chiama Cistercium. I monaci lo chiamano 'novum monasterium'.

 

Gli inizi sono duri, freddo e fame mettono a dura prova i monaci. In più il loro abate Roberto dopo un anno viene richiamato dal papa Urbano II nel suo precedente monastero Molesme mentre i suoi confratelli sono lasciati liberi di fermarsi a Cîteaux. Solo otto compagni restano per continuare a condurre una vita dura nelle paludi, Roberto ritorna con 12 o 13 compagni nell' estate 1099.

 

In questa situzione critica dell' anno 1099 il priore Alberico è la persona decisiva. Viene eletto come nuovo abate dai confratelli per assicurare l'esistenza del nuovo monastero. Con mano sicura porta avanti la crescita materiale e spirituale del convento nuovo e fino alla sua morte nel 1108 il convento ha di nuovo raggiunto il numero di 22 monaci. Come altri ordini riformati del tempo (Camaldolesi, Certosini), anche i Cistercensi cambiano la tonaca nera dei Benedettini contro la tonaca di lana di pecora bianca. Il 'previlegio' di papa Pasquale II. legalizza la fondazione di Cîteaux.

 

A Alberico segue, come terzo abate di Cîteaux, l'Inglese Stefano Harding (1108-1134). Si deve soprattutto al suo talento organizzativo la trasformazione dalla nuova fondazione a un ordine vero e proprio. ---> avanti.

next

I primi abati:

1098-1099 Roberto di Molesme

1099-1108 Alberich

1108-1134 Stefano Harding

Cistercium

Da dove arriva il nome Cistercium, che dava il nome ai Cistercensi? Ci sono tre proposte...